newtest - newtest
last updated on: 10/12/14 05:12PM
   "Notturni e dintorni. Racconti dall'infinito" di Luca Del Bono [13/06/18 06:14PM]   
Rate this post  
La fotografia astronomica è una fotografia scientifica quindi razionale e rigorosa. Le mie immagini di nebulose vengono riprese volutamente in bianco e nero tramite l'ausilio di un filtro h-alpha che ne isola le frequenze di emissione evidenziando le strutture dell'oggetto che voglio riprendere senza dare una mia interpretazione personale sulle sue colorazioni. Cerco di essere (riprendendo in monocromia) il più imparziale possibile offrendo l'opportunità a chi osserva, tramite l'immaginazione e la curiosità, di documentarsi o semplicemente di fantasticare sul "reale" colore di tali oggetti. L'intento dei miei lavori però è quello di fare un omaggio all'uomo e alla sua essenza, un omaggio all'essere che rende reale il mondo che lo circonda prendendo coscienza dell"esistenza del mondo stesso......il tempo esisterebbe ugualmente se non ci fosse nessuno a contare' L'uomo non è solo razionalità ma anche irrazionalità, emozione, istinto e come meglio rappresentarle se non con dei colori intensi e l'atto gestuale della pittura' Qui è nata l'idea dell'astrodripping o meglio dell'action painting utilizzando le mie astrofotografie come tele. Nei miei lavori il soggetto viene ripetuto in serie per dare enfasi ad esso ma contestualmente la ripetizione porta alla negazione dello stesso o meglio alla presa di coscienza dell'impossibilità reale dell'uomo ( almeno per la tecnologia di cui dispone ora ) di interagire con questi oggetti lontani da lui anni luce. Proprio poiché la natura umana è centrale nei miei lavori mi piaceva l'idea che l'osservatore potesse intravedersi all'interno dell'opera, ho sfruttato quindi le proprietà di alta riflessione di un materiale utilizzato nella creazione di filtri per l'osservazione solare in luce bianca: il Mylar.L'osservatore, avvicinandosi magari per osservare come i colori hanno interagito fra loro, ritroverà la propria immagine riflessa nell'opera stessa entrando a farne parte. La riflessione è volutamente poco definita, avrei ad esempio potuto utilizzare uno specchio, in quel caso l"immagine restituita sarebbe stata perfetta ma la perfezione non è nell'uomo, mi piaceva sfruttare invece le caratteristiche di "riflessione confusa " che trovo più affine all'uomo stesso.8 giugno/8 luglioCasa Museo Spazio TadiniVia Jommelli 24 - Tel. 02.26110481mercoledì-sabato/from Wednesday to Saturday 15.30-19.30 - domenica/Sunday 15-18.30

>>


   Trackbacks

      TRACKBACK URL: http://test4.blogghy.com/trackback/2002332

   Comments

   Post a comment
Name:


Email:


2 + 1 = ?

Please write above the sum of these two integers

Title:


Comments:





About the author

Contact the author
Categories

test
ilgiornale
test
Latest blog posts
La Roma si rialza in Champions League: secco 3-0 al Cska Mosca
[23/10/18 11:56PM]
La Juventus espugna l'Old Trafford: Manchester United ko 1-0
[23/10/18 11:56PM]
I tifosi della Juventus insultano Mou: lui risponde ricordando il Triplete con l'Inter
[23/10/18 11:56PM]
San Lorenzo, Desirée drogata e poi stuprata da più persone
[23/10/18 11:21PM]
Governo a muso duro con Ue: "Escluso nuovo documento"
[23/10/18 11:21PM]
Photo Albums








Powered by Blogghy

Page generated in 1.1447 seconds.

Page generated in 1.2208 seconds.