newtest - newtest
last updated on: 10/12/14 05:12PM
   Roma, l'addio di Totti al veleno: "Me ne vado ma non per colpa mia" [17/06/19 02:54PM]   
Rate this post  
Un puntualissimo Francesco Totti si è presentato alle ore 14 presso la sala conferenze del Coni per dare addio alla sua amata Roma. Il Pupone ha voluto per prima cosa ringraziare il numero uno Giovanni Malagò per avergli dato la possibilità di usufruire della location: "Per prima cosa volevo ringraziare il Presidente del Coni Giovanni Malagò per avermi dato questa possibilità in questo salotto bellissimo e con ospiti importanti".Totti è poi andato dritto al punto: "Alle 12:41 del 17 giugno del 2019 ho mandato una mail al Ceo della Roma dove ho scritto alcune cose per me impensabili, ho dato le mie dimissioni da dirigente alla Roma. Viste le condizioni penso sia stato doveroso e giuto prendere questa brusca decisioni anche perché non ho mai avuto la possibilità di lavorare sulla parte sportiva della Roma. La mia scelta è stata dura, durissima, ma penso che sia la più giusta".Il 42enne ex capitano ha continuato spiegando come lui in questa scelta di lasciare abbia messo per prima cosa davanti a tutto il club: "Davanti a tutto ci deve essere la Roma, nessuna frazione pro Totti, pro Pallotta, pro Baldini. Come ho sempre detto i Presidenti, gli allenatori, i giocatori passano, le bandiere non passano, quelle no. Ho pensato tanto in questo periodo e posso dire che non è stata colpa mia prendere questa decisione. Non so più che dire ormai, avete tutto titoli e quant'altro".Totti ha poi affermato di non essersi pentito di aver accettato il ruolo da dirigente della Roma: "No, non l'ho mai pensato, perché questa è casa mia. Prendere questa scelta è stata difficilissima perché io ho sempre voluto portare in alto questi colori in Italia e in Europa. Ripeto, non è stata colpa mia perché non mi hanno mai coinvolto in un progetto tecnico e il primo anno ci può stare, nel secondo avevo già capito cosa volessi fare e non ci siamo mai trovati, mai aiutati uno con l'altro anche perché tutti sapevano le mie intenzioni, la mia voglia di dare tanto a questa società ma loro non hanno mai voluto. Sono stato fatto fuori da tutto".Il Pupone ha poi fatto una carezza ai tifosi, promettendo come questo sia un arrivederci e non un addio: "Alla gente di Roma devo dire solo grazie per come mi hanno sempre trattato, c'è stato sempre un reciproco rispetto sia in campo che fuori perciò posso dire solo di continuare a tifare la Roma, va sempre onorata. Per me è la squadra più importante del mondo,vederla in difficoltà mi dà fastidio, Roma è Roma. I tifosi sono diversi dagli altri tifosi, la passione, l'amore che ci mettono è talmente grande che non potrà mai finire. Anche da fuori io continuerò a farlo e questo è sicuramente un arrivederci non un addio. Da esterno posso dire che è impossibile vedere Totti fuori dalla Roma. Mi dà fastidio pensare a questa cosa, per ora prenderò altre squadre e al momento giusto io tornerò e sarò sempre pronto".Totti ha anche parlato del prossimo futuro: "In questo momento posso fare tantissime cose. In queso mese valuterò tutte le offerte e quella che mi farà stare meglio l'accetterò con tutto il cuore. Se prenderò una decisione sarà quella definitiva. Io non voglio indicare chi sia il colpevole, è stato fatto un percorso, non è stato rispettato e alla fine ho preso questa scelta". Totti è poi entrato in gamba tesa sulla società: "Dal lato sportivo tutti sanno che hanno voluto che io smettessi. Dal punto di vista dirigenziale tutti sanno che avevo un contratto di sei anni e inizialmente sono entrato in punta di piedi. Di promesse ne sono state fatte tante ma non sono mai state mantenute, col passare nel tempo ho giudicato e valuto anche io e ho ponderato che loro non volessero che io facessi a pieno questo ruolo".Totti è poi entrato in gamba tesa su Franco Baldini, consigliere da Londra di James Pallotta: "Il rapporto con lui non c'è mai stato e mai ci sarà. Se ho preso questa decisione penso sia normale che ci siano degli equivoci, problemi interni nella società. Uno dei due dove uscire e mi sono fatto da parte io, non servono troppi galli a cantare. Ci sono troppe persone che mettono bocca su tante cose che fanno solo danni. Ognuno dovrebbe fare solo il suo, se tutti parlano su tutto si crea un gran casino. Quando canti da Trigoria non lo senti mai il suono, l'ultima parola spettava sempre a Londra perciò era inutile fare o dire ciò che volevi fare, dire e pensare. Era tutto tempo perso".L'ex capitano e simobolo della Roma ha poi parlato delle possibilità della Roma di poter competere ed è entrato ancora in tackle sulla società: "Sappiamo tutti dei problemi del FFP. Hanno fatto la scelta difficile di vendere giocatori più forti e balsonati. E' anche la mossa più semplice quella di vendere i più forti per mettere a posto i conti. Ma bisogna anche essere chiari con i tifosi. Ai tifosi bisogna dire la verità. Quando ho detto che la Roma sarebbe arrivata quinta mi han detto che sono incompetente e che tolgo i sogni ai tifosi. Quando sei trasparente, sei inattaccabile. Io sono abituato a dire la verità e non posso stare qui dentro".Totti ha anche mandato una stilettata a James Pallotta, definito un Presidente assente: "Per me è pesato tantissimo. Il giocatore trova sempre un alibi o una scusa. Crea un danno, ma io l'ho detto e ripetuto tantissime volte. Il presidente deve essere più sul posto. Quando i giocatori e i dirigenti vedono il capo, stanno sull'attenti e lavorano come dovrebbero. Quando non c'è il capo fanno tutti come pare a loro. E' come fare un allenamento senza il mister. Se c'è il mister vai a 100 all'ora, col secondo inizi a fare lo stupidino".

>>


   Trackbacks

      TRACKBACK URL: http://test4.blogghy.com/trackback/289499

   Comments

   Post a comment
Name:


Email:


1 + 1 = ?

Please write above the sum of these two integers

Title:


Comments:





About the author

Contact the author
Categories

test
ilgiornale
test
Latest blog posts
La Francia regala soldi all'ong che porta i migranti in Italia
[13/07/19 11:48AM]
Usa, il sondaggio choc: gli americani non vogliono più migranti
[13/07/19 11:48AM]
Lucano e la casa a Beppe Fiorello pagata coi soldi per i migranti
[13/07/19 11:48AM]
Farmaci, allerta dell'Aifa su questi quattro medicinali
[13/07/19 11:48AM]
Uomini e Donne, Nilufar Addati finisce in ospedale per dolori al basso ventre: "C'è un problema"
[13/07/19 11:48AM]
Photo Albums








Powered by Blogghy

Page generated in 0.393 seconds.

Page generated in 0.4416 seconds.