newtest - newtest
last updated on: 10/12/14 05:12PM
   Erba e foreste, sono loro la benzina nel nostro corpo [26/06/19 08:52AM]   
Rate this post  
Che la scienza sia astrusa ai più, è noto. Tuttavia suona strano sapere che quasi nessuno conosca la molecola per antonomasia, quella che ci concede la vita, e senza la quale ogni processo metabolico sarebbe impossibile. Probabilmente molti ricondurrebbero la disanima al DNA, l'acido nucleico che assicura la trasmissione dei caratteri ereditari e dà l'input alla formazione delle proteine. In realtà la molecola di cui stiamo parlando è più semplice: il glucosio del quale sappiamo poco o nulla. E invece parte tutto da qui. La vita è infatti sbocciata perché a un certo punto le cellule hanno iniziato a bruciare glucosio per ottenere energia. Che per la biologia dell'uomo significa correre, pensare, scrivere, leggere. Senza glucosio avremmo un'autonomia di poche ore, pochi giorni al massimo.L'ERBA PREZIOSAGrazie al glucosio viviamo e prosperiamo. Ma se godiamo di questo privilegio evoluzionistico, dovremmo dire grazie a quegli esseri viventi che troppo spesso ignoriamo o riteniamo organismi di serie b: i vegetali. Non solo i grandi alberi delle foreste, le sequoie millenarie e i tigli dei nostri parchi; ma anche quelle insignificanti erbette che crescono lungo i cigli delle strade: parietarie, soffioni, romici, piattelli, piantaggini. Così lontane dal nostro immaginario da non conoscerne nemmeno i nomi. E invece dovremmo imparare a ossequiarle con piglio filosofico perché in fondo, se esistiamo, è anche grazie a loro. Che sanno ricavare qualcosa che a noi è precluso: il glucosio, appunto. La fotosintesi clorofilliana significa esattamente questo: produrre zuccheri e ossigeno tramite la conversione di molecole base come l'acqua e l'anidride carbonica in strutture più complesse, sotto l'impulso fornito dall'energia luminosa capace di scalzare gli elettroni della clorofilla contenuta nelle foglie. La magia è compiuta.Non a caso i vegetali vengono chiamati autotrofi, in grado cioè di ottenere il tutto dal nulla. I vertebrati se lo possono sognare. A questa stregua sono molto più funzionali delle banalissime alghe microscopiche come le diatomee. La nostra specie è all'ultimo stadio. In termini evoluzionistici e per quel che riguarda la catena alimentare, infatti, si parte da chi è in grado di produrre il glucosio, rendendolo disponibile agli ultimi arrivati. Come' Semplicemente con l'alimentazione. E qui entra in gioco il cervello appannaggio delle specie più progredite.Uomo, in primis. Pensiamo a quel che accade tutte le mattine dopo la colazione. La prima ora lavorativa o scolastica se ne va veloce, poi la seconda, al limite la terza. Ma alla quarta è per tutti la stessa cosa: acquolina. Il cervello indica che le scorte di glucosio sono esaurite e che se si vuole andare avanti a lavorare o studiare è necessario rifornirsi di energia. Ed ecco lo snack di metà mattina o, già che ci siamo, del pranzo. Sediamo la nostra fame per riequilibrare il livello di zuccheri nel sangue che altrimenti manderebbe in tilt l'organismo.GLUCOSIO CROCE E DELIZIAIl cibo che introduciamo viene sminuzzato e veicolato nel circolo ematico attraverso piccole estroflessioni intestinali, chiamate villi. Così le materie prime possono raggiungere ogni distretto organico, ogni parte del corpo, confortando la stretta relazione fra cellule e glucosio. Qui, grazie all'emoglobina, giunge anche l'ossigeno, che aggredisce i carboidrati battezzando un lungo e complicato processo sintetizzabile con una parola: catabolismo. Avviene in tutte le nostre cellule, senza moriremmo. Il glucosio viene presto trasformato in molecole via via più piccole, rimbalzando dal citoplasma (la parte della cellula che contiene i vari organuli cellulari, ma non il nucleo), ai mitocondri, la centrale energetica di un corpo cellulare. E il risultato è una molecola altrettanto emblematica: l'ATP. Vagamente ricorda il nucleotide del DNA, ma è contraddistinto da uno zucchero leggermente diverso (il ribosio) e da tre gruppi fosfati. L'ATP è l'energia. Diventa ADP e consente ogni nostra azione o pensiero.Il glucosio però, se troppo abbondante, può determinare malattie. Dipende, infatti, da dove proviene. Quello introdotto con la frutta è più salutare di quello che deriva dalla lavorazione industriale. E come è noto c'è una stretta relazione fra zuccheri e una patologia tipica del modernismo: il diabete di tipo 2. Diverso dal tipo 1, detto anche giovanile, e dipendente dall'incapacità del pancreas di secernere insulina. Nel 2 l'accumulo eccessivo di zuccheri cozza con l'adeguata assimilazione di insulina da parte del sangue. La glicemia sale e oltre un certo livello scatena legami pericolosi fra zuccheri e proteine, anticamera di gravi disordini metabolici. Insomma, è doveroso riconoscere al glucosio il ruolo chiave nella vita delle cellule, ma senza dimenticare che una semplice dieta sbagliata può mettere a repentaglio processi biochimici che si sono instaurati in milioni di anni.

>>


   Trackbacks

      TRACKBACK URL: http://test4.blogghy.com/trackback/304326

   Comments

   Post a comment
Name:


Email:


1 + 2 = ?

Please write above the sum of these two integers

Title:


Comments:





About the author

Contact the author
Categories

test
ilgiornale
test
Latest blog posts
Taylor Mega ed Erica Piamonte in vacanza insieme'
[23/07/19 01:18PM]
Belen Rodriguez fa impazzire con il suo lato B
[23/07/19 01:18PM]
Elena Morali si svela: verità su Colorado e crisi con Scintilla
[23/07/19 01:18PM]
"Smettete di seguirmi". Madonna sbotta contro gli hater di instagram
[23/07/19 01:18PM]
"Voglio dare al pubblico tutto me stesso". Ancora un altro successo per i Thegiornalisti
[23/07/19 01:18PM]
Photo Albums








Powered by Blogghy

Page generated in 0.9683 seconds.

Page generated in 1.206 seconds.